Flappers: le ribelli degli anni venti tra arte e sensualità

|

Flappers: le ribelli degli anni venti tra arte e sensualità

Frequentavano locali notturni, guidavano, bevevano e fumavano: comportamenti, fino a quel momento, riservati agli uomini. Con capelli alla Garçonne, emancipazione e carisma hanno lasciato la loro impronta nel cinema, nella moda e nell’arte.

Chi erano le Flapper Girl: significato e contesto storico

Con questo termine si identifica la generazione di donne degli anni ‘20 del ‘900, i cosiddetti “anni ruggenti” del dopoguerra. Le flappers-girls si distinguevano per il trucco marcato (lo smoking-eyes e il rossetto scuro), il taglio di capelli corti (alla Garçonne), l’abitudine a fumare sigarette con bocchino e bere alcolici in pubblico, guidare l’automobile e frequentare i locali notturni, tutti comportamenti concessi, fino a quel momento, solo agli uomini.

Disinibite, coraggiose, maliziose, libertine, rivoluzionarie, le flappers ruppero i rigidi canoni culturali della società dell’epoca, frantumando quella stantia morale sessuale che aveva imprigionato la donna relegandola a ruoli subalterni all’universo maschile. Ebbero il coraggio di dare quella spinta innovativa, che altro non era se non l’embrione dell’emancipazione femminile, contribuendo al cambiamento epocale che riguardava quei contesti socio-culturali e politici che travolgeranno l’Europa e gli Stati Uniti.

Un unico fil rouge legava le flappers di tutto il mondo: la musica, la moda, la voglia di emancipazione, in una parola la libertà.

louise brooks carta d'identità flappers come valentina crepax
© Illustrazione: Loredana Storani

Significato di Flapper: onomatopea e slang di un battito di ali

Flapper é un termine slang, un’onomatopea che rimanda alla figura di un’adolescente acerba che sta per trasformarsi in donna, un uccellino che sbatte timidamente le ali nel tentativo di provare a volare. Un precedente uso nel parlato anglosassone identifica il termine “flapper” per indicare una ragazzina i cui capelli, ancora raccolti in un acerbo codino o in una romantica treccia, sbattono ritmicamente sulla schiena ogni qualvolta si mette a correre.

Nel XVII secolo, il termine é riferito alla prostituta ancora alle prime armi, per poi arrivare, nel XIX secolo, ad etichettare la donna “di facili costumi”. Bisogna aspettare il 1908 per poter celebrare le flappers, quando prestigiosi rotocalchi come “The Times” o “La donna” dedicheranno loro fantasiose copertine e ricchi articoli, accendendo i riflettori della storia su quelle donne capaci di aprire la strada alla rivoluzione di genere di cui oggi tanto si parla.

© Illustrazione: Loredana Storani

Flapper girls celebri

Fra le attrici strettamente identificate con questo stile si ricordano:
Olive Borden, Clara Bow, Louise Brooks, Bebe Daniels, Billie Dove, Corinne Griffith, Leatrice Joy, Helen Kane, Laura La Plante, Dorothy Mackaill, Colleen Moore, Norma Shearer, Norma Talmadge, Olive Thomas, Kiki de Montparnasse, Alice White e soprattutto Joan Crawford.

colleen moore flapper caschetto
Colleen Moore
 Joan Crawford sulla sedia da regista
Joan Crawford
Alice White flapper girls
Alice White
louise brooks flapper
Louise Brooks
© Illustrazione: Loredana Storani

Che belle quelle donne coraggiose che non temono il giudizio altrui, che sfidano i benpensanti di una società nella quale la differenza di genere la fa da padrona, perché solo l’uomo può fumare, guidare l’auto, frequentare i locali notturni e indossare i pantaloni. Ancora più belle quelle donne coraggiose che si ribellano a un sistema fortemente maschilista, in un epoca, quella del primo dopoguerra,  in cui la voglia di cambiamento e di rinascita dalle macerie sociali va oltre ogni costrizione culturale.

Louise Brooks flapper girl stile flapper
© Illustrazione: Loredana Storani

 Le Flapper girls: un’inesauribile fonte di ispirazione

Helen Kane

Cantante statunitense, la sua voce è il suo look furono fonte di ispirazione per il fumettista degli Fleischer Studios, Grim Natwick, che disegnò il personaggio ispirato alle Flappers Betty Boop.

© Illustrazione: Loredana Storani

Louise Brooks

Attrice cinematografica statunitense, incarnazione di immagini diverse, per certi versi contraddittorie, da donna indipendente e autonoma o al contrario la seduttrice suo malgrado. Il suo charme e la sua ironia hanno ispirato la penna del fumettista Guido Crepax per dare vita all’irresistibile Valentina

© Illustrazione: Guido Crepax

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sulle pubblicazioni de Il Sublimista® iscrivendoti alla newsletter, così da ricevere missive periodiche con contenuti sublimi.

Il Sublimista® è una Rivista letteraria e fotografica, nella quale estetica e cultura coesistono, complementandosi.

Attraverso conversazioni con artisti, approfondimenti su libri, cinema, storie, luoghi, musica, moda e lifestyle vuole ispirare la ricerca del sublime.

Instagram


Il Sublimista® non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001. Le opinioni espresse su Il Sublimista® sono interpretazioni personali degli autori e non hanno lo scopo di offendere o danneggiare alcun individuo o categoria. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post. Faremo comunque del nostro meglio per gestire i confronti in un’ottica sempre costruttiva.

© Manuela Masciadri
Copyright | Privacy Policy | Cookie Policy | Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Design & Dev: La Fabbrica dei Mondi