Louise Brooks: prima diva del cinema interprete della libertà sessuale

|

Louise Brooks: prima diva del cinema interprete della libertà sessuale

Nella storia del grande schermo ha aperto la strada a personaggi che esprimono liberamente la propria sessualità: la Flapper che ispirò Guido Crepax nella creazione della sua “Valentina”, ha rivoluzionato il concetto di erotismo attraverso la sua filmografia.

«Le altre sono “le donne”, lei, è Louise»
Adonis A. Kyrou

Louise Brooks kimono taglio capelli bob

Attrice e ballerina cinematografica statunitense è l’incarnazione di immagini diverse e per certi versi contraddittorie: da donna indipendente e autonoma, a seduttrice suo malgrado.
Louise Brooks rappresenta un caso, unico nella storia del cinema, di diva ‘postuma’; ignorata dal pubblico e dalla maggior parte dei critici del suo tempo, considerata scandalosa e ribelle, è divenuta celebre molti anni dopo la fine della sua carriera, grazie al suo carisma sullo schermo e agli omaggi che numerosi artisti le hanno dedicato nel corso dei decenni.

Louise Brooks Kimono ritratto bob caschetto

Sguardo profondo e seducente, femminilità androgina, risata contagiosa, taglio di capelli rivoluzionario (il celebre bob), Louise Brooks è l’icona Flapper dalla bellezza e dal candore straordinariamente erotici.
Louise è lo specchio magico nel quale si riflettono miriadi di personalità, una diversa dall’altra, tutte uguali nella loro diversità, nessuna mai del tutto distinguibile dall’altra. 

Louise Brooks sorriso
Louise Brooks androginia turbante

Louise Brooks e il cinema muto: i film celebri

“Now We’re in the Air”, 1927

Nella pellicola “Now We’re in the Air” (Aviatori per forza), ambientata durante la prima guerra mondiale, Louise Brooks interpreta entrambe le gemelle protagoniste: Griselle e Grisette Chelaine.
Grisette, che vive in Francia, passerà alla storia grazie agli scatti del fotografo americano Eugene Robert Richee, che la immortalano in un tutù nero che fisserà per sempre nella memoria collettiva quell’immagine civettuola, erotica e allo stesso tempo tenera di Louise Brooks. 

Luoise Brooks in tutù foto di eugene robert richee

La trama narra la storia di Wally e Ray, dipendenti dell’eccentrico conte scozzese Lord Abercrombie, i quali, ritrovatisi sul fronte francese durante la Grande Guerra, vengono arruolati come aviatori; catturati dai tedeschi, rischiano la fucilazione.
La loro fortuna è incontrare le gemelle G. & G. e innamorarsi di loro.
Incapaci di distinguerle, si troveranno implicati in una serie di malintesi e divertenti gags, amplificate dalla formula Buddy Movie (commedia degli equivoci), molto in voga negli anni ‘20.
Per anni la pellicola è stata considerata perduta. Fortunatamente, nel 2016, vennero ritrovati 22 minuti del divertente film muto, proprio quelli che riproducono la scena in cui Louise Brooks interpreta il ruolo della gemella francese vestita con quel famoso tutù nero, consegnato così per sempre alla storia.

© Illustrazione di Loredana Storani

“Lulù, il vaso di Pandora”, 1929.
Il ruolo soffiato a Marlene Dietrich.

“Pandora’s Box” è un film tedesco che narra la storia di una giovane fioraia ambulante, seducente e disinibita, dalla sfrenata sessualità ambigua e dall’irresistibile malizia, che inesorabilmente porta alla rovina gli uomini (e le donne) che cadono vittima del suo fascino.
Chi meglio di Louise Brooks poteva interpretare una personalità irrequieta, sempre in bilico tra una femminilità conturbante e un potere ammaliante, tra l’egocentrismo maschile e quello femminile?

Louise Brooks il vaso di pandora abito scollatura

La storia è ambientata alla fine dell’800 e si snoda fra ambiguità sessuale morbosa, repressa e incontenibile, tradimenti, amori proibiti, fughe rocambolesche, bische clandestine, equivoci e passioni al limite della rovina, per poi approdare ad un finale inaspettato.

Lulù é l’archetipo novecentesco della femme-fatale, a tratti esibita con quell’innocente spudoratezza capace di conferirle un simbolico candore anche nei contesti più scabrosi.

«Lulù/Brooks divenne l’indimenticabile protagonista di una danza, letteraria e metafisica insieme,
tra l’amore e la morte, incarnazione libertaria e anarchica dell’amour fou e della rivolta senza compromessi contro la società, femminista ante litteram e nello stesso tempo eroina di un melodramma incandescente, vittima degli uomini e di una morale in putrefazione»

 Jacques Courcelles

Louise Brooks taglio di capelli bob caschetto collo schiena

“Lulù, il vaso di Pandora”. Streaming del film completo:

“The Canary murder case”, 1929

Tratto dal romanzo “La canarina assassinata”, scritto da S.S. Van Dine e diretto da Malcom St. Clair.
La pellicola nacque come film muto e venne successivamente sonorizzato sotto la direzione di Frank Tuttle.
Louise Brooks, vera ex-Ziegfeld delle celebri rappresentazioni teatrali delle Folies Bergère della Belle Époque ed ex-scandals girl, lo interpretò magistralmente, calandosi nella parte dell’affascinante star di Broadway assassinata in un lussuoso appartamento newyorkese.

Louise Brooks altalena the canary murder

Il film si apre con l’elegante dondolio sospeso nel vuoto della ballerina di nightclub Margaret O’Dell, che si esibisce a Broadway vestita di sole piume, abbinate a due grandi ali.
I soggetti maschili messi in scena sono rappresentati da uomini con atteggiamenti furtivi, velatamente vogliosi, quasi a rappresentare lupi in cerca di cibo, che si aggirano nei pressi del lussuoso appartamento della star, apparentemente vigilato da un pigramente sonnecchiante portinaio balbuziente, che non si accorgerà, se non a fatto compiuto, dell’assassinio imminente. 

© Illustrazione di Loredana Storani

Louise fece le riprese senza sonoro e commise un errore fatale, che mise in luce il suo carattere difficile che la estromise, per anni, dal patinato mondo hollywoodiano.
L’attrice si rifiutò di tornare dall’Europa, dove si trovava per girare un film con George Wilhelm Pabst, per registrare il doppiaggio; per dare voce alla protagonista venne quindi scelta l’attrice statunitense Margaret Livingston.

“The Canary Murder Case”. Streaming del film completo:

Louise Brooks e la fine della carriera

Un ulteriore fatale errore decretò il termine della carriera di Louise Brooks al suo rientro dall’Europa: il rifiuto della parte da protagonista in quello che sarebbe stato un colossal: “Nemico Pubblico”.
Il motivo sembra essere stato un viaggio a New York per far visita a George Preston Marshall, suo amante dell’epoca.

Louise Brooks: ispirazione per artisti e omaggi celebri

Nel 1991 il gruppo musicale inglese OMD ha dedicato a Louise Brooks, e al suo celebre film, la canzone intitolata Pandora’s Box. Nel videoclip del brano sono mostrati alcuni spezzoni del film. 

«Il vaso di Pandora» ha ispirato altre due «Lulù»: l’opera lirica di Alban Berg, composta tra il 1928 e il 1935 e il concept album firmato da Lou Reed insieme ai Metallica nel 2011. 

Cover album Lou Reed Metallica Louise Brooks

Lo charme e l’ironia di Louise Brooks hanno ispirato la penna del fumettista Guido Crepax per dare vita all’irresistibile Valentina

Louise Brooks Valentina Guido Crepax

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sulle pubblicazioni de Il Sublimista® iscrivendoti alla newsletter, così da ricevere missive periodiche con contenuti sublimi.

Il Sublimista® è una Rivista letteraria e fotografica, nella quale estetica e cultura coesistono, complementandosi.

Attraverso conversazioni con artisti, approfondimenti su libri, cinema, storie, luoghi, musica, moda e lifestyle vuole ispirare la ricerca del sublime.

Instagram


Il Sublimista® non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001. Le opinioni espresse su Il Sublimista® sono interpretazioni personali degli autori e non hanno lo scopo di offendere o danneggiare alcun individuo o categoria. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post. Faremo comunque del nostro meglio per gestire i confronti in un’ottica sempre costruttiva.

© Manuela Masciadri
Copyright | Privacy Policy | Cookie Policy | Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Design & Dev: La Fabbrica dei Mondi