Anna Karina: musa elegante e malinconica della Nouvelle Vague

|

Anna Karina: musa elegante e malinconica della Nouvelle Vague

Dalla benedizione di Coco Chanel al sodalizio, dentro e fuori lo schermo, con Godard. Con il suo talento e la sua bellezza, tanto reale quanto innovativa e inconsueta, ha influenzato moda e musica. Arte, cinema e rivoluzione nella Parigi degli anni 60.

Anna Karina prima della Nouvelle Vague: l’arrivo a Parigi e l’incontro con Coco Chanel

Hanna Karin Blarke Bayer, giovane ragazza di origini danesi, arriva a Parigi nel 1958, nel periodo in cui la città è al massimo delle sue potenzialità. Riconosciuta come la capitale della moda e del cinema, grandi artisti cinefili del calibro di Godard, Truffaut e Rohmer lottavano artisticamente per intraprendere una rivoluzione culturale che sapeva di libertà e di cambiamento.

Ed è proprio nella città più affascinante e misteriosa d’Europa, che un giorno una signora elegante di nome Coco Chanel le disse che lei sarebbe stata Anna Karina: quello che poi sarebbe diventato lo pseudonimo che l’avrebbe accompagnata per il resto della vita. 

Comincia così la sua carriera come modella. Con il suo fascino riservato e magnetico viene subito notata in uno spot pubblicitario da Jean-Luc Godard, che al tempo era solo un critico cinematografico per i Cahiers du cinéma, ma che poi diventerà il grande regista di fama mondiale di cui la stessa Anna Karina si innamorerà, diventando al tempo stesso sua moglie nella vita personale e la sua musa dal punto di vista artistico. 

Anna Karina e Nouvelle Vague. Il sodalizio con Jean-Luc Godard: dal cinema alla vita

La sua carriera nel mondo del cinema parte con un ruolo rifiutato nel film Fino all’ultimo respiro, a causa di una scena di nudo che all’attrice proprio non va giù. Ma Godard non si dà per vinto e nel 1960 le offre un altro ruolo in un film decisamente più politico: Le petit soldat.
L’anno dopo reciterà, invece, in La donna è donna. Nello stesso anno, Anna e Godard si innamorano e si sposano, per poi divorziare nel 1968. 

Anna Karina ricorda gli anni con Godard come i più belli della sua vita, culturalmente stimolanti ed emotivamente forti, ma allo stesso tempo descrive la loro come una relazione complessa che oscillava tra complicità e ostilità sia nel rapporto coniugale che in quello professionale. 

Anna Karina: la nascita dei personaggi-icone della Nouvelle Vague

Marito e moglie, musa e regista, passano ore e ore a creare i personaggi e a farli vivere. Ed è proprio così, tra le mura della loro casa, che le icone della Nouvelle Vague prendono forma; quei personaggi che Anna Karina ha reso parte di sé, diventando ai nostri occhi un po’ ognuno di loro.

Da Odile, in Bande à part, e a Nana, in Vivre sa vie, fino ad Angèla, in La donna è donna e a Marianne, in Il Bandito delle ore 11.

Raccontando la società del tempo, ripresa dopo ripresa, storia dopo storia, il cinema di Anna Karina e Godard che traspare è caratterizzato dai toni moralistici e dalle tematiche universali, e viene considerato dall’opinione pubblica quanto di più distante da una forma d’arte: “lo splendore del vero”, per citare lo stesso Godard. 

Anna Karina e Nouvelle Vague: la sua influenza sulla musica e sulla moda

Anna Karina ha avuto un impatto altrettanto duraturo sul mondo della moda.
Il suo stile fresco e tipicamente francese ha influenzato a ondate la cultura pop fino ai giorni nostri.

Dalle copertine dei dischi della band Nouvelle Vague, fino a un gruppo rock italiano che decise di chiamarsi The death of Anna Karina.

Ma la sua influenza non si esaurisce nel circuito cinematografico e musicale. Nel 2008 Agnes B. disegna infatti un’intera collezione ispirandosi ai suoi film, fatta interamente di golfini di lana, kilt scozzesi e abiti pastello. Mentre il brand americano Band of Outsiders sceglie il proprio nome traducendo il titolo inglese del film Bande à part, girato da Godard nel 1964.

Insomma, un personaggio poliedrico, capace di raccontare la storia del cinema e di una società intera attraverso il suo sguardo dolce e malinconico, facendosi portavoce di un modo di fare cinema diretto, spontaneo e immediato; in una parola, vero. 

Anna Karina: Vivre sa Vie

Sono rimasta affascinata da Anna Karina quando l’ho vista per la prima volta nel film Vivre sa Vie, diretto da Jean-Luc Godard, nel quale vediamo l’attrice nelle vesti di una giovane protagonista dallo sguardo magnetico, di nome Nana. Nel film sono presenti molte riprese in primo piano, nelle quali è possibile notare lo sguardo malinconico e languido dell’attrice.

Da subito Anna mi guarda dritta negli occhi e con dolcezza riesce a tenermi incollata allo schermo, prendendomi per mano e accompagnandomi alla scoperta di un mondo in cui la quotidianità viene raccontata in bianco e nero e tutto assume un fascino nostalgico di una dolce e pacata tristezza.

Dell’attrice mi colpisce la naturalezza dei gesti, quella bellezza così reale da risultare innovativa e inconsueta. I suoi modi lenti e delicati mi hanno conquistata dalla prima ripresa.
Una donna dal fascino solitario e silenzioso che con discrezione riesce a farsi spazio nei cuori degli spettatori, creando una fascinazione indelebile e facendoli immergere nel suo mondo fatto di arte, cinema e rivoluzione. 

NOTA DI REDAZIONE

L’etica del Sublimista prevede di citare sempre i crediti di tutti gli Autori del materiale condiviso su queste pagine, proprio perché lo scopo principale di questo progetto è celebrarli. Capita tuttavia che, nonostante gli sforzi, non si riesca a risalire all’Autore di un’opera. In questo caso, rimaniamo aperti e ricettivi alle segnalazioni che i nostri lettori vorranno inoltrarci.
Grazie per la collaborazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sulle pubblicazioni de Il Sublimista® iscrivendoti alla newsletter, così da ricevere missive periodiche con contenuti sublimi.

Il Sublimista® è una Rivista letteraria e fotografica, nella quale estetica e cultura coesistono, complementandosi.

Attraverso conversazioni con artisti, approfondimenti su libri, cinema, storie, luoghi, musica, moda e lifestyle vuole ispirare la ricerca del sublime.

Instagram


Il Sublimista® non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001. Le opinioni espresse su Il Sublimista® sono interpretazioni personali degli autori e non hanno lo scopo di offendere o danneggiare alcun individuo o categoria. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post. Faremo comunque del nostro meglio per gestire i confronti in un’ottica sempre costruttiva.

© Manuela Masciadri
Copyright | Privacy Policy | Cookie Policy | Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Design & Dev: La Fabbrica dei Mondi