Nilde Iotti: la reggitora che scrisse la Costituzione e cambiò l’Italia

|

Nilde Iotti: la reggitora che scrisse la Costituzione e cambiò l’Italia

La prima donna che lottò per la parità di genere ricoprendo una delle tre massime cariche dello Stato: la Presidenza della Camera. Dall’abolizione della patria potestà e della dote alla battaglia per il divorzio e per la liceità dell’aborto. Definita “reggitora” da Fellini, ci lascia in eredità la vocazione a coltivare l’autonomia di pensiero. 

Nilde Iotti al tavolo
© lapresse

Nilde Iotti: dalle origini alla Presidenza della Camera dei Deputati

Emiliana di nascita, romana di adozione, Leonilde Iotti, detta Nilde, è passata alla storia per essere stata la prima donna a ricoprire il ruolo di Presidente della Camera dei Deputati
Questa donna, questa politica, questa reggitora, come la definì Fellini, fu in realtà molto di più, dimostrando di essere un esempio per molte generazioni. 

Orfana di padre fermamente antifascita, si laurea in lettere alla Cattolica di Milano, perché, citando le parole paterne, è meglio stare con i preti, che con i fascisti. 
Sceglie poi di aderire al PCI e di entrare nelle file della Resistenza, operando nei “Gruppi di difesa della donna”, ovvero in quegli organismi nati per garantire assistenza ai combattenti, ma presto divenuti centri per la rivendicazione dei diritti delle donne. 

Nilde Iotti ritratto in bianco e nero

Intellettuale impegnata, ma soprattutto politica lungimirante, sin da subito dimostra di essere una voce fuori dal coro. 
Lei, che a soli 26 anni è membro dell’assemblea costituente e che con intelligenza e caparbietà si conquista un’autorità nel partito, dimostrando di non essere semplicemente la compagna di Togliatti, aveva scelto di battersi in prima linea per l’emancipazione femminile.

Nilde Iotti: l’emancipazione femminile e la conquista di nuovi diritti civili

Comprenderete la mia emozione per essere la prima donna nella storia d’Italia a ricoprire una delle più alte cariche dello Stato. Io stessa – non ve lo nascondo – vivo quasi in modo emblematico questo momento, avvertendo in esso un significato profondo, che supera la mia persona e investe milioni di donne che attraverso lotte faticose, pazienti e tenaci si sono aperte la strada verso la loro emancipazione.
Essere stata una di loro e aver speso tanta parte del mio impegno di lavoro per il loro riscatto, per l’affermazione di una loro pari responsabilità sociale e umana, costituisce e costituirà sempre un motivo di orgoglio della mia vita.”

Discorso di insediamento alla Presidenza della Camera dei Deputati, 20 giugno 1979

Nilde Iotti durante il discorso di insediamento alla Presidenza della Camera
Nilde Iotti durante il discorso di insediamento alla Presidenza della Camera

Questo è un estratto del discorso di insediamento alla Presidenza della Camera dei Deputati pronunciato da Nilde Iotti dopo la sua nomina. Siamo nel 1979 e fino ad allora nessuna donna aveva ricoperto una delle tre massime cariche dello Stato.

Nilde Iotti discorso di insediamento Presidenza della Camera
Nilde Iotti durante il discorso di insediamento alla Presidenza della Camera

Il suo operato politico si intreccia con la lotta per la conquista di nuovi diritti civili, volti alla promozione del bene comune, tra cui quelli legati alla famiglia e al ruolo della donna.
Non amava definirsi femminista, ma innegabilmente divenne presto espressione concreta del movimento femminile. 

Nilde Iotti abito elegante e collana di perle

Dal ’46 le donne potavano votare, ma perché dovevano essere ancora schiave della disoccupazione? Perché non potevano accedere alle cariche pubbliche? Perché non potevano sciogliersi liberamente dal vincolo di un matrimonio privo di amore e rispetto reciproco? Perché dovevano morire sotto i ferri delle mammane per aver scelto di interrompere la gravidanza? 

Dall’abolizione della patria potestà all’abolizione della dote, dalla battaglia per il divorzio alla liceità dell’aborto, passando per la lotta a favore della parità di genere: Nilde fu una pioniera coraggiosa che scelse di combattere le battaglie più audaci in prima linea, mettendo in campo quelle idee riformatrici che contribuirono all’affermazione di una democrazia paritaria.
Sarà lei a dare voce a quelle donne, in un’Italia ancora fortemente patriarcale e nella quale troppo spesso le Istituzioni si dimostravano arretrate rispetto ai rapidi cambiamenti di un Paese che correva verso la modernità. 

Nilde Iotti con ventaglio abito verde


 L’eredità di Nilde Iotti: autonomia di pensiero e rispetto delle istituzioni

Alle donne, alle mie compagne, alle amiche, credo di aver lasciato in eredità la vocazione a coltivare un’autonomia di pensiero e un grande rispetto delle istituzioni.

Nilde Iotti sorriso

Se le conquiste del passato hanno migliorato il nostro presente, lo dobbiamo anche a questa donna che, con integrità e autorevolezza, ha saputo incarnare una concezione nobile della politica e delle istituzioni, impegnandosi a favore dei diritti di libertà e uguaglianza.

Nilde Iotti ritratto
© Lapresse

Il futuro senza stereotipi di genere

Tanto dobbiamo a lei, a quelle donne e a quegli uomini che hanno avviato nuove stagioni di difesa dei diritti, segnando le tappe di una crescita collettiva. 
Una crescita che coinvolge equamente uomini e donne, volta a garantire pari diritti e pari doveri. 

È giusto che una donna possa scegliere di dedicarsi alla carriera professionale, che venga retribuita come i colleghi e che possa esprimere liberamente la propria opinione, come è giusto che le venga riservato lo stesso rispetto che viene garantito agli uomini. 
Allo stesso modo, è giusto che un uomo abbia diritto di sentirsi fragile, di chiedere aiuto senza vergogna o di voler stare a casa per occuparsi dei figli. 

Tanto è cambiato, ma tanto resta da cambiare. 
Forse un giorno ci libereremo degli stereotipi di genere, dannosi e distruttivi, e andremo oltre quel retaggio culturale che ancora oggi pesa così tanto sul nostro quotidiano. 
Quando quel giorno arriverà, smetteremo di sentirci sbagliati e le persone smetteranno di farci sentire tali.

© Trailer di “Nilde Iotti, il tempo delle donne” di Peter Marcias

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sulle pubblicazioni de Il Sublimista® iscrivendoti alla newsletter, così da ricevere missive periodiche con contenuti sublimi.

Il Sublimista® è una Rivista letteraria e fotografica, nella quale estetica e cultura coesistono, complementandosi.

Attraverso conversazioni con artisti, approfondimenti su libri, cinema, storie, luoghi, musica, moda e lifestyle vuole ispirare la ricerca del sublime.

Instagram


Il Sublimista® non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001. Le opinioni espresse su Il Sublimista® sono interpretazioni personali degli autori e non hanno lo scopo di offendere o danneggiare alcun individuo o categoria. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post. Faremo comunque del nostro meglio per gestire i confronti in un’ottica sempre costruttiva.

© Manuela Masciadri
Copyright | Privacy Policy | Cookie Policy | Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Design & Dev: La Fabbrica dei Mondi