La Scarzuola: la città ideale di Tomaso Buzzi in Umbria

|

La Scarzuola: la città ideale di Tomaso Buzzi in Umbria

Esiste la città ideale? L’idea di un visionario architetto trasforma un convento francescano in un luogo onirico. Tra simboli, misteriose figure, archetipi e suoni ancestrali, siamo condotti in un percorso alla ricerca inconscia di noi stessi, avvolti nel silenzio di una città ideale in perenne evoluzione di se stessa.

Alla ricerca di luoghi Sublimi: la Scarzuola

Esistono luoghi misteriosi, straordinari, sconosciuti e inaccessibili, luoghi silenziosi dove regna il sublime, luoghi che chiedono di essere scoperti, che sono ammirati e celebrati. 

Uno di questi luoghi é il sogno, diventato realtà, di un architetto che idealizzava una città nascosta nel cuore pulsante della lussureggiante Umbria.

La Scarzuola: la città ideale di Tomaso Buzzi 
La Scarzuola: la città ideale di Tomaso Buzzi 

La Scarzuola: le origini francescane di un luogo profano

La storia di questo luogo sublime viene citata nelle cronache medioevali del XIII sec. per un singolare evento che vede come protagonista San Francesco d’Assisi.
Fu infatti proprio in questi luoghi che il santo ha costruito una capanna, nello stesso punto in cui aveva piantato una rosa e un alloro, e dal quale era sgorgata miracolosamente una fontana.

Il nome del luogo deriva dalla pianta utilizzata nella costruzione della capanna: il santo infatti ricorse ad una pianta palustre, denominata appunto “La Scarza”.
In memoria di questo avvenimento, i conti di Marsciano decisero di erigere nello stesso punto una chiesa, che ben presto si trasformò in un convento francescano affidato ai Frati Minori.

I locali del convento restarono nelle loro mani sino alla fine del Settecento, quando ne presero possesso i marchesi Misciatelli di Orvieto.
Fu tra il 1958 e il 1978 che l’architetto milanese Tomaso Buzzi, dopo avere acquistato il complesso, progettò quella da lui stesso definí “la sua città ideale”.

(…) il cantico delle creature, con sora acqua, e terra e fiori e sole e luna e animali e persone (…)

la Scarzuola san francesco d'assisi
© Loredana Storani

La Scarzuola: una macchina teatrale tra sacro e profano

La dicotomia Città Sacra – dove si ergeva il convento francescano – e Città Profana – realizzata da Tomaso Buzzi – é il vero cuore pulsante della Scarzuola.
È qui che si susseguono simboli, misteriose figure, archetipi e suoni ancestrali, in un intricato percorso iniziatico di meditazione che conduce il visitatore alla ricerca inconscia di se stesso, avvolto nel silenzio di una città ideale in perenne evoluzione di se stessa. 

La scarzuola dove si trova
© Loredana Storani
tomaso buzzi la scarzuola salvador dalì
© https://www.lascarzuola.it/tomaso-buzzi/

La Scarzuola: un luogo onirico, fuori dal tempo e dallo spazio

Tra mistero e stupore, la Città ideale di Buzzi non smette mai di evolversi.
Nel 1981 il nipote del visionario architetto ha rilevato il complesso e da allora continua l’opera di costruzione, concedendo, a chi lo desidera, di imbarcarsi in uno straordinario viaggio onirico.

la scarzuola
La Scarzuola: la città ideale di Tomaso Buzzi. Grafica di Loredana Storani.
la scarzuola
La Scarzuola: la città ideale di Tomaso Buzzi. Grafica di Loredana Storani.

Potrei descrivere me stesso idealizzato poeticamente come uno che abita nel suo labirinto, dal quale sia stato cacciato il Minotauro e ne siano usciti Teseo e Arianna dopo la caduta di Icaro. Immagino che Dedalo dopo la morte del figlio Icaro si sia chiuso nel labirinto da lui stesso costruito e abbia continuato a lavorare solo fino a una tardissima età, toltosi per sempre le ali, guardando in modo commosso il cielo, coltivando il suo giardino, passeggiando seguendo gli echi; nel suo giardino delle metamorfosi, seguendo lo svettare di Ciparisso, verso il cielo, le musiche delle acque del vento, il gioco delle ombre opera del sole a lui solo ascose. Così volgerei tutto in poesia.

Tomaso Buzzi

FONTE: 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sulle pubblicazioni de Il Sublimista® iscrivendoti alla newsletter, così da ricevere missive periodiche con contenuti sublimi.

Il Sublimista® è una Rivista letteraria e fotografica, nella quale estetica e cultura coesistono, complementandosi.

Attraverso conversazioni con artisti, approfondimenti su libri, cinema, storie, luoghi, musica, moda e lifestyle vuole ispirare la ricerca del sublime.

Instagram


Il Sublimista® non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001. Le opinioni espresse su Il Sublimista® sono interpretazioni personali degli autori e non hanno lo scopo di offendere o danneggiare alcun individuo o categoria. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post. Faremo comunque del nostro meglio per gestire i confronti in un’ottica sempre costruttiva.

© Manuela Masciadri
Copyright | Privacy Policy | Cookie Policy | Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Design & Dev: La Fabbrica dei Mondi