Cristina D’Avena e Vittoria Bonini: due prime volte, un sogno

|

Cristina D’Avena e Vittoria Bonini: due prime volte, un sogno

SANREMO.

Chissà se un giorno ci sarà anche un mio abito, che scende quella scala“. Così Vittoria si ripeteva quando, da ragazzina, sperimentava con stoffe e drappeggi, guardando alla tv attori e cantanti, mentre scendevano la scalinata più famosa della tv italiana.
Sognando, si immaginava che, all’apertura delle porte, un giorno sarebbe comparsa una sua creazione.

Vittoria, in occasione dell’edizione 2016 del Festival di Sanremo, il suo sogno l’ha realizzato, creando un abito per un’artista che ha vissuto, lei stessa, la sua prima volta sul palco dell’Ariston.
E’ stato il pubblico ad acclamare e volere fortemente Cristina D’Avena: un personaggio che abbia marcato così profondamente la storia della musica italiana non può non calcare il palco più celebre. E così è stato. Nella serata più importante, Cristina è scesa dall’iconica scalinata, indossando l’abito in taffettà verde che Vittoria ha creato per lei. In quel momento, due sogni si sono realizzati.

Cristina si è innamorata degli abiti di Vittoria, scoprendoli circa due anni fa. Li ha scelti per la copertina di un disco di canzoni di Natale e per tutti gli eventi più importanti ai quali ha partecipato successivamente, fino a consolidare una bella collaborazione, basata su sinergia e fiducia.

Per la creazione dell’abito di Sanremo, a Vittoria è stata data carta bianca.
Com’è prassi, per ciascuna donna che sceglie di vestire, Vittoria ha dapprima chiacchierato con Cristina, per percepire input e ispirazioni sulle quali lavorare; non solo per l’abito di gala, ma anche per tutti gli altri look, sfoggiati durante la kermesse.

Ha poi realizzato dei bozzetti/proposte dai quali è stato scelta una rosa di 3 abiti, che Vittoria ha tenuto come ispirazione, per realizzare le bozze: uno in taffettà blu, uno in taffettà verde e uno in paillette nero.
Vittoria ricercava un’immagine solare, seppur fine ed elegante: il verde, che lei sperava sarebbe stata la scelta finale, è un colore poco usato sul palco dell’Ariston, e sulla carnagione di Cristina sarebbe risultato perfetto. Cristina, indossandolo, se ne è innamorata.

Un’emozione grandissima, che Vittoria ha vissuto fin dalla prima telefonata, nel corso della quale Cristina le ha proposto questa collaborazione; che è poi esplosa, durante la prova abito ufficiale, e che ha avuto il suo culmine quando Cristina è apparsa in cima alle scale. Bellissima, come una moderna Rossella O’Hara, avvolta da un fascino d’altri tempi ed un’allure contemporanea. E questa è la magia che Vittoria sa creare.

Le immagini sono state realizzate nell’Atelier di Vittoria Bonini, con le finestre oscurate, in modo che nessuno potesse carpire alcun dettaglio di quello che queste due artiste stavano realizzando. 

© Ansa

www.cristinadavena.it

www.vittoriabonini.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sulle pubblicazioni de Il Sublimista iscrivendoti alla newsletter, così da ricevere missive periodiche con contenuti sublimi.

Il Sublimista è una Rivista letteraria e fotografica, nella quale estetica e cultura coesistono, complementandosi.

Attraverso conversazioni con artisti, approfondimenti su libri, cinema, storie, luoghi, musica, moda e lifestyle vuole ispirare la ricerca del sublime.

Instagram


Il Sublimista non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001. Le opinioni espresse sul Sublimista sono interpretazioni personali degli autori e non hanno lo scopo di offendere o danneggiare alcun individuo o categoria. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post. Faremo comunque del nostro meglio per gestire i confronti in un’ottica sempre costruttiva.

© Manuela Masciadri
Copyright | Privacy Policy | Cookie Policy | Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Design & Dev: La Fabbrica dei Mondi